Fare chiarezza su Antonio Banfi

Citazione

Sarebbe difficile sostenere che Antonio Banfi sia stato non solo un insigne filosofo italiano ma anche un uomo di grande coraggio e di intrepida moralità. Sono tra coloro che hanno ben evidenziato pregi e limiti della teoresi banfiana, benché abbia esercitato questo tentativo in aperta dissonanza dagli interpreti più “ortodossi” del pensiero banfiano. Ho sempre sostenuto che il miglior Banfi, il Banfi filosoficamente più efficace e fecondo, è il Banfi razionalista o più precisamente critico-razionalista che si sarebbe accostato al marxismo per un’esigenza “pratica” più che “teorica” tentando di riversare su esso, in vero con scarso successo, l’impianto critico-trascendentale del suo stesso razionalismo al fine di farne non una dottrina dogmatica e chiusa all’apporto di altre importanti correnti filosofiche contemporanee ma uno strumento di analisi particolarmente utile e significativo nel quadro della storia e della cultura del ’900.  Continua a leggere

Salvini, la corruzione, il perbenismo e il falso umanitarismo

Citazione

La mia idea è che Salvini non sia certo un giglio immacolato di onestà ma che, rispetto alla stragrande maggioranza dei suoi consiglieri e dei suoi luogotenenti e di tanti autorevoli membri della Lega, sia molto meno interessato ad affari loschi di ogni genere e ad illeciti traffici finanziari. L’uomo non è ingenuo e sa bene che, specialmente dopo la drammatica sorte toccata a Bettino Craxi, basterebbe una truffa di media importanza che fosse direttamente riconducibile alla sua persona per affossare ancora una volta e forse definitivamente il suo partito e il suo complessivo programma politico che gli elettori italiani, piaccia o non piaccia, stanno mostrando di gradire molto, pur presentando punti critici che molti considerano suscettibili di superamento. Purtroppo, la verità è che Salvini è a capo di un partito largamente corrotto anche se non più corrotto di altri partiti come Forza Italia, il PD e lo stesso Movimento 5Stelle, in cui insistentemente si sussurra che diversi parlamentari abbiano letteralmente comprato la propria carriera politica e in cui grandi imbrogli non vengono a galla solo perché la maggior parte di essi (fino all’altro ieri nullafacenti e del tutto squattrinati) sono oggi più che soddisfatti del posto molto remunerativo che occupano appunto in parlamento, senza escludere i Fratelli d’Italia che offrono un campionario umano non proprio rassicurante visto che, di tanto in tanto, vengono agli onori della cronaca alcuni suoi esponenti collusi con la criminalità organizzata o con attività corruttive tutt’altro che trascurabili. Continua a leggere

Note su cattolici italiani e scienza

Citazione

                                                                                                                                                                                                                                                                Un giovane e valente ricercatore italiano ha pubblicato di recente un agile e interessante volumetto sui modi in cui i cattolici italiani, a cavallo tra seconda metà del XIX secolo e primo quindicennio del XX secolo, cercarono di interagire con un mondo scientifico in continua espansione, soprattutto al fine di dimostrare la solidità della fede cristiana anche in rapporto ai travolgenti progressi del sapere scientifico e tecnologico1. L’argomento da lui trattato, per la particolare importanza che riveste, necessiterà senza dubbio di ulteriori contributi finalizzati a gettar luce su momenti specifici dell’impegno cattolico sul piano scientifico in un periodo storico in cui molto forti erano i timori della Chiesa circa la possibilità che gli straordinari sviluppi della razionalità e della ricerca scientifica potessero avere un impatto alquanto destabilizzante sul piano spirituale e religioso inducendo molti fedeli ad un dubbio sempre più corrosivo nei confronti delle tradizionali certezze religiose, ma intanto questo lavoro funge da utile e provvidenziale apripista in un settore poco e male studiato della storia moderna e contemporanea e viene assolvendo la funzione di chiarire come in realtà a partire dalla seconda metà dell’ottocento, al di là della comprensibile inquietudine che la problematica scientifica avrebbe sempre trasmesso alle alte gerarchie ecclesiastiche, il mondo ecclesiale cattolico nel suo insieme, nonostante i suoi ritardi e le sue incertezze iniziali nel quadro del dibattito sulla scienza e sulle sue implicazioni culturali, morali, sociali e religiose, non mostrò alcuna pregiudiziale e preconcetta avversione verso le continue acquisizioni conoscitive della prassi scientifico-sperimentale.
Continua a leggere

Breve storia di una “battaglia”: filosofia e scienza in Italia nel primo quindicennio del Novecento

Citazione

Nel primo quindicennio del novecento filosofico italiano, due insigni scienziati quali Giovanni Vailati e Federigo Enriques, dotati di capacità filosofiche non comuni e convinti che ad una funzione realmente critica della filosofia non potessero rimanere estranee l’acquisizione e l’utilizzazione della mentalità scientifica moderna e contemporanea, mossero battaglia contro l’egemonia neoidealistica, per la riunificazione del sapere filosofico e del sapere scientifico. L’esito della battaglia sarebbe stato loro sfavorevole producendo per alcuni decenni fraintendimenti e distorsioni nel modo di intendere il rapporto tra ambito filosofico e ambito scientifico nel quadro della cultura nazionale, benché sia ormai innegabile che di fatto sotto il fascismo, nonostante le pesanti costrizioni ideologiche subìte dagli scienziati italiani,  il progresso delle conoscenze e delle istituzioni scientifiche non fu né bloccato né rallentato. Continua a leggere

FEDERIGO ENRIQUES TRA LUCI E OMBRE

Citazione

1. Enriques tra indipendenza intellettuale e subalternità etico-politica

 

 

Federigo Enriques

 

 

 

Sono almeno tre i temi riguardanti frontalmente la figura di Federigo Enriques su cui la letteratura critica enriquesiana non sembra aver fatto ancora piena luce: la responsabilità morale e politica dell’intellettuale filosofo e scienziato, la carente consapevolezza dell’indissolubile nesso di reciprocità tra scienza e società, la mancata individuazione della complessità della dimensione specificamente religiosa e insieme la insufficiente o inadeguata tematizzazione del rapporto tra fede scientifica e fede religiosa. Temi importantissimi cui, in questo articolo, si è tentato di dare un contributo critico di analisi e di chiarificazione.

Federigo Enriques, il grande matematico livornese di fine ottocento e della prima metà del ’900, ancora oggi può e deve essere ricordato non solo come insigne scienziato italiano ma anche e forse soprattutto come scienziato-filosofo a pieno titolo, capace di offrire contributi innovativi e significativi alla storia e alla filosofia della scienza, alla metodologia della didattica scolastica e universitaria, al progetto di una cultura o di un sapere universale mosso e alimentato dalla funzione e dal valore eminentemente conoscitivo della conoscenza scientifica e delle sue molteplici ramificazioni multidisciplinari e interdisciplinari: è emblematico che nella sua celebre rivista “Scientia” venissero ospitati i contributi scientifici di un fisico-matematico come Einstein, di uno psicanalista come Freud, di neopositivisti come Carnap e Schlick, solo per fare dei nomi.

Non è forse inesatto ritenere che Enriques sia stato il primo intellettuale italiano del novecento ad incarnare un ideale neoilluministico di pensiero che, nella storia intellettuale italiana del XX secolo, avrebbe poi trovato tanti altri esponenti, quasi tutti “filosofi”, quantunque non dotati di specifiche competenze tecnico-scientifiche paragonabili a quelle di Enriques cui peraltro, a dispetto di taluni giudizi riduttivi o sarcastici espressi da Croce e Gentile sulla sua preparazione e sulle sue capacità filosofiche, non facevano per niente difetto né un’ampia ed articolata cultura storico-filosofica, né la forza teoretica e la linearità dell’argomentare né il nitido e penetrante piglio critico-polemico del confutare. Semmai, rispetto alla possente ma oppressiva scrittura  idealistica di un Gentile e all’eleganza formale anche se non sempre criticamente incisiva di un Croce, fu sempre un “dilettante” e anzi, meglio, un “irregolare”, ma solo nel senso di un originale e fecondo dilettantismo speculativo e di una felicissima irregolarità logica e teorica.      Continua a leggere

Capitalismo oggi: che fare per superare una crisi economica ancora in atto. Intervista a Marcello Musto

Citazione

Dal secolo breve dei due blocchi contrapposti alle guerre commerciali con alleanze variabili che al centro vedono lo scontro Usa-Cina: siamo alla “fase finale” del capitalismo? Come si legge in chiave marxista?

Quello della fine del capitalismo è stato un tema ricorrente nella storia del marxismo. Molti epigoni di Marx hanno erroneamente sostenuto, in particolare in tempi di crisi economiche, che la “teoria del crollo”, ovvero la tesi della fine incombente e autogenerantesi della società borghese, fosse l’essenza più intima del socialismo scientifico. In realtà, con la sua analisi Marx descrisse delle tendenze dell’economia e si guardò bene dal formulare leggi storiche universalmente valide, dalle quali far discendere, il corso degli eventi. Oggi il capitalismo appare ancora più forte che nel Novecento e le sue dinamiche di sfruttamento assomigliano a quelle esistenti ai tempi di Marx. Il capitalismo viene nuovamente rappresentato come un modo di produzione eterno e immutabile e protezionismi e guerre commerciali sono dinamiche che non ne mettono certo a repentaglio l’esistenza. Continua a leggere

Il caso Siri ovvero della stupidità politica

Citazione

Qui non si tratta di stabilire se il sottosegretario leghista ai Trasporti, Armando Siri, abbia commesso o meno un reato e, addirittura, uno dei più riprovevoli reati qual è quello di corruzione per aver intascato tangenti al fine di modificare con un provvedimento ad hoc i finanziamenti nel settore dell’eolico addirittura a favore di faccendieri collusi con la mafia siciliana di Messina Denaro. No, per decidere se il politico leghista debba dimettersi dalla sua carica occorrerebbero non semplici articoli di giornale, sospetti o indizi generici e indiretti, ma prove magari incomplete e tuttavia almeno già abbastanza corpose o anche indizi molto più significativi di quelli ad oggi conosciuti. E invece, ancora una volta, sta andando in scena in tutto il suo splendore quella stupidità politica di cui la vita politica nazionale è costantemente intrisa e di cui si sta facendo protagonista in questi giorni  il partito di Di Maio e compagni. Gli usi strumentali della politica sono ben noti, nessuno se ne può meravigliare perché è un uso generalizzato e non c’è partito politico che non vi ricorra. Quindi, non si intende criticare il movimento 5 Stelle perché stia strumentalizzando politicamente una vicenda virtualmente importante per le pesanti ricadute morali e politiche che potrebbe avere. Continua a leggere

Lupacchini a Gratteri: nel distretto di Catanzaro troppi errori giudiziari*

Era stato il procuratore generale della Corte di Appello di Catanzaro Otello Lupacchini a lanciare l’allarme durante la cerimonia di apertura dell’anno giudiziario sui troppi, tanti casi di ingiusta detenzione, conseguenza di indagini sbagliate o mal condotte, proprio nel distretto giudiziario di Catanzaro. Un allarme che trova conferma anche nelle ultime inchieste prodotte dalla Dda di Catanzaro: partite col suono delle fanfare e finite tutte a tarallucci e vino. Il caso del presidente della Regione Calabria Mario Oliverio, riabilitato dalla suprema Corte di Cassazione dopo essere stato sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora da Gratteri nell’operazione denominata “Lande Desolate”, conferma la tendenza della procura di Catanzaro a commettere errori giudiziari.

Continua a leggere

Finanza mondiale e “populismi”

Citazione

E’ quello che già si sapeva da tempo. Adesso il sociologo Pino Arlacchi dà la sua autorevole conferma con il suo nuovo libro “I padroni della finanza mondiale – Lo strapotere che ci minaccia e i contromovimenti che lo combattono (ed. Chiarelettere, 2018), ma che le economie nazionali di molti Paesi europei e non europei siano letteralmente dominate dall’alta finanza internazionale era risaputo da diversi anni non tanto grazie agli studi specialisti degli esperti che generalmente vengono pubblicati solo “sul far del tramonto”, ovvero quando ormai talune evidenze storiche non si possono più nascondere neppure ai ciechi, quanto ad analisi, intuizioni, denunce e previsioni che corrono anarchicamente ma non sempre distruttivamente sulla “rete”. Continua a leggere

Chi di spada ferisce…

Citazione

In tutti questi mesi ho taciuto, anzi ho quasi totalmente disertato il mio blog, non solo perchè esso non è stato concepito come una specie di bollettino di tutte le futilità che accadono nel mondo, ma anche perchè per alcuni mesi, avendo scritto articoli decisamente critici su Movimento5Stelle soprattutto e sui partiti di destra prima che il partito di Salvini e quello di Grillo si costituissero in coalizione di governo, ho tirato deliberatamente i remi in barca in attesa di capire se e fino a che punto le mie precedenti analisi fossero errate e anche per verificare pazientemente il grado di legittimità e solidità di scelte, proposte, provvedimenti di governo adottati dalla suddetta coalizione governativa, anche e principalmente in rapporto alla politica europea e al confronto con gli organi di potere della UE. Continua a leggere