Italia: addio all’Unione Europea?

Titolo

di Corrado Tommaselli

imagesMolti hanno sempre pensato che l’Unione Europea o meglio quest’Unione Europea, la sua moneta unica,  le sue direttive finanziarie, il complesso di leggi da essa emanate e volte ad uniformare le politiche generali degli Stati che ne fanno parte, il suo modo angusto e univoco di considerare le specificità civili e culturali dei diversi popoli europei, rappresentasse una grave iattura per il destino di quest’ultimi ancor prima di poter disporre di concreti e oggettivi dati empirici, come quelli odierni, che dimostrassero sempre più come la crisi non solo politica ed economica ma morale e culturale dell’Europa fosse ormai insanabile ed irreversibile. Continua a leggere

L’eutanasia secondo Francesco Bacone

Titolo

imagesTendenze e tentazioni eutanasiche ed eugenetiche, volte a tenere alti i livelli di efficienza psico-fisica della popolazione, attraversano tutta la storia umana a partire dalla Grecia in cui Platone, sia pure con qualche riserva, sembra condividere la preoccupazione politica di provvedere alla “igiene sociale” della polis, affidando allo Stato il compito di esercitare un controllo sulla capacità riproduttiva dei suoi membri in modo che solo i bambini particolarmente sani e forti potessero essere allevati ed assistiti in modo adeguato per poter poi assicurare al popolo il più alto grado possibile di benessere, di sicurezza e di protezione anche sul piano militare. Continua a leggere

Flores d’Arcais e il 5Stelle

Titolo

di Beniamino Ingotti

download-96Per Paolo Flores d’Arcais la giunta romana di Virginia Raggi è andata in crisi principalmente perché in essa sarebbero stati immessi in larga e predominante misura soggetti legati all’ex sindaco di destra Gianni Alemanno. E così, proprio perché di destra e appartenenti ad un destrorso come Alemano, egli ritiene particolarmente “indifendibili” personaggi come l’assessore Muraro o come l’assessore al bilancio De Dominicis che fu a suo tempo “ammiratore sfegatato e ditirambico di Giulio Andreotti” (Il M5S corre verso il disastro, in Micromega del 6 settembre 2016). Che, nell’ottica di d’Arcais, costituisce colpa grave e inescusabile. Continua a leggere

Pentastellati alla deriva

Titolo

di Lanfranco Sciuto

imagesPer me il partito di Grillo, se il popolo vorrà, potrà anche andare al governo dell’Italia: non ho problemi personali. Certo, se il successo politico-elettorale dovesse arridere prossimamente ai pentastellati, non potrei fare a meno di pensare che il deficit culturale, soprattutto fra le masse giovanili del nostro Paese, è diventato cosí elevato da produrre incresciosi e pericolosi fenomeni di deresponsabilizzazione della vita civile e politica nazionale. Io non credo affatto, come altri hanno già sostenuto su questo blog, che la misura del consenso di cui godrebbe oggi il Movimento di Grillo sia quella rilevata da diversi istituti demoscopici, che come si sa sono abituati a collezionare brutte figure, ma qualora il consenso fosse davvero così alto, non avrei alcuna difficoltà a leggere l’orientamento popolare come espressione di evidente immaturità culturale e di connesso infantilismo politico. Continua a leggere

Terremoti, fede e politica

Titolo

imagesPuò un terremoto mettere in crisi la fede in Dio o, al contrario, può rappresentare uno stimolo ad approfondire la conoscenza di Dio stesso e della nostra esistenza terrena? Se Dio è onnipotente, perché, ci si chiede talvolta, non impedisce che la natura da lui creata possa essere cosí distruttiva e provocare un numero cosí alto di vittime? Può rientrare anche un fenomeno tellurico particolarmente disastroso come il terremoto di L’Aquila o di Amatrice nell’attuazione della volontà divina e nel disegno redentivo universale di Dio avente per oggetto la storia degli uomini? Continua a leggere

Quale politica religiosa? Nè Mattarella, né papa Francesco

Titolo

di Tommaso Chiaromonti

imagesAl Meeting di “Comunione e Liberazione” il presidente Mattarella ha affermato che, anche al fine di sconfiggere il terrorismo contemporaneo e di salvaguardare gli Stati democratici occidentali, «il dialogo tra le fedi è oggi una necessità storica, è una condizione per conquistare la pace. Il dialogo tra le fedi è un atto di umiltà, che può riconciliarci con la storia dell’uomo. E’ questo un tema di grande valore spirituale, che ha fortissime implicazioni politiche e sociali. Dialogo tra credenti di religioni diverse, dialogo sul destino dell’uomo tra credenti e non credenti: ecco un terreno sul quale la cultura europea può dare, ancora una volta, un apporto straordinario». Ora, non per essere pignoli, ma solo per contribuire a chiarire un punto di fondamentale importanza nel quadro delle relazioni tra popoli e civiltà, nel messaggio di Mattarella due concetti molto diversi fra loro tendono ad accavallarsi e a confondersi. Infatti, una cosa è parlare di “dialogo tra le fedi”, altra cosa è parlare invece di “dialogo tra credenti di religioni diverse”. Almeno per quanto riguarda i cristiani, infatti, è del tutto lecito e anzi doveroso che essi, nelle ordinarie dinamiche della vita, dialoghino sempre con gli altri e con chiunque si faccia oggettivamente prossimo nei loro confronti, a prescindere dalle loro convinzioni personali, dalla loro cultura o religione. Un sorriso, una mano d’aiuto, un atto di comprensione e di generosità, in linea di principio, non possono essere rifiutati a nessuno: questo insegna Gesù. Continua a leggere

Bianca Berlinguer rottamata! Era ora!

Titolo

di Emma Lombardini

imagesUna buona notizia: Bianca Berlinguer verrà finalmente rottamata e sarà sostituita con chi da subalterno l’aveva sempre contestata, quel Luca Mazzà che non si fece pregare per esprimere le sue forti riserve sia sulla giornalista sarda, molto meno preparata di lui soprattutto in materia economica, sia su Massimo Giannini che, nel suo stesso interesse, si sarebbe dovuto limitare a lavorare per la carta stampata, visto che l’unico suo merito televisivo è stato quello di imitare alla perfezione il compianto comico Raimondo Vianello ad apertura della trasmissione Ballarò con quel suo “buonasera, buonasera”! Fateci caso! Continua a leggere

Luttwak, i cattolici e papa Francesco

Titolo

download (95)Edward Luttwak, il noto e controverso politologo americano, sempre capace di alimentare dibattiti di geopolitica, geoeconomia e strategia militare sia in relazione a questioni di specifico interesse nazionale (in particolare riguardanti gli USA nei suoi rapporti con gli Stati occidentali e con quelli asiatici e mediorientali) sia in relazione a questioni di carattere generale, molto probabilmente non ha torto nel muovere critiche pesanti su papa Francesco a proposito del fenomeno immigratorio in atto e della valutazione della natura dell’Isis e della stessa religione islamica.

Ultimamente, ha detto che “questo papa ritiene che si debbano accogliere tutti” senza porsi seriamente il problema relativo ai mezzi finanziari con cui sia possibile attuare una politica di accoglienza generalizzata se non indiscriminata. Egli sembra non rendersi conto “di collaborare, sia pure involontariamente, ad un suicidio epocale, quello dell’Europa cristiana”. Continua a leggere

Cassazione e democrazia

Titolo

imagesA Cosenza ci sono avvocati che ritengono “non consentite” espressioni come “abuso dell’esercizio del potere”, “insabbiamento”, “imbavagliamento della verità”, se riferite ad una sentenza della Cassazione che, come tale, abbia carattere di definitività e non impugnabilità. Naturalmente, questi avvocati fanno riferimento a una sentenza che li ha visti vincenti sul piano giudiziario e tendono a tutelare il più possibile il loro assistito anche sul piano morale, mentre chi usa quelle espressioni è dalla parte dei perdenti sempre da un punto di vista giudiziario ma non è disposto a riconoscere l’imparzialità della Suprema Corte. Continua a leggere

Fuori Renzi?

Titolo

di Elisa Barbarini

Su, non scherziamo! Si può anche capire che il gradimento popolare per Renzi sia in leggera flessione e comunque in flessione ben inferiore a quel che dicono i soliti sondaggi improvvisati o puramente umorali. Ma che adesso qualche vecchio collaboratore del premier in carica possa pensare seriamente di candidarsi alla sua successione, come riferiscono alcuni giornali, è da considerare un’idea davvero bislacca, visto che i nomi che si fanno sono quelli di Franceschini, Delrio, Orlando e Calenda (pensate il montiano Calenda!), che con tutto il rispetto farebbero precipitare il PD a meno del 20% di consenso popolare. Solo con un atto di autolesionismo collettivo la maggioranza dei parlamentari “democratici” potrebbe favorire un evento del genere, pur di “punire” il politico toscano per i suoi presunti errori. Continua a leggere