#BENEDETTOXVIBLOGWORDPRESS: NON È LECITO NEGARE LA COMUNIONE SULLA LINGUA! I SACERDOTI CHE SI RIFIUTERANNO DOVRANNO ESSERE DENUNCIATI!

Citazione

Dal Prof. GIORGIO NICOLINI – COMUNICO che quest’oggi, 12 maggio 2020, dalle ore 11,50 ho avuto un lungo colloquio telefonico con il Segretario del Card. Robert Sarah,  prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti (di cui posso fornire la registrazione), riguardo alla questione dei Vescovi o dei Sacerdoti che, con l’avvio delle Messe con il popolo, impongono ai fedeli di ricevere la Comunione SOLO sulla mano. Il Segretario mi ha confermato che il Card. Sarah, come si era già espresso anche pochi giorni fa in una intervista – https://www.lanuovabq.it/it/sarah-basta-profanazioni-non-si-tratta-sulleucarestia -, ribadisce l’insegnamento della Chiesa (nella “Redemptionis Sacramentum”) secondo cui che NON E’ LECITO NEGARE LA COMUNIONE IN BOCCA a chi richiede tale modalità di ricezione della Comunione Eucaristica, come d’altra parte – pur se “illegittimo” perché violazione della Costituzione e dei Patti Lateranensi – lo stesso “accordo C.E.I.-Governo” del 7 maggio 2020 non vieta in alcun modo tale modalità di ricezione della Comunione Eucaristica da parte dei fedeli. Pertanto, Vescovi e Sacerdoti che imponessero la sola Comunione sulle mani commettono un abuso, del quale – mi ha detto il Segretario – faccio bene a presentare “denuncia canonica” alla stessa “Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti”. Quindi, consiglio tutti quanti avessero a subire tale ABUSO DI ESSERGLI NEGATA LA COMUNIONE IN BOCCA (da parte di Vescovi o Sacerdoti), di inviare regolare DENUNCIA CANONICA alla “Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti” (c/o 00120 CITTA’ DEL VATICANO – Fax 06.69883499 – Posta Elettronica: [email protected]), per UN INTERVENTO AUTORITATIVO sui Vescovi e/o Sacerdoti (indicando il relativo indirizzo domiciliare o altri elementi di contatto) che commettono tali ABUSI. Dalla “Redemptionis Sacramentum” n.169: “Quando si compie un abuso nella celebrazione della sacra Liturgia, si opera un’autentica contraffazione della Liturgia cattolica. Ha scritto san Tommaso: «incorre nel vizio di falsificazione chi per conto della Chiesa manifesta a Dio un culto contro la modalità istituita per autorità divina dalla Chiesa e consueta in essa». Continua a leggere

Prof. Filippo Maria Boscia: comunione sulla mano più contagiosa di quella sulla lingua

Citazione

(Bruno Volpe, La Fede Quotidiana – 10 Maggio 2020) “Comunione sulla mano?  E’ più contagiosa”. Lo dice in questa intervista che ci ha rilasciato un luminare della medicina, il prof. Filippo Maria Boscia, Presidente Nazionale dei Medici Cattolici.

Presidente Boscia, finalmente raggiunto l’ accordo sulle messe col popolo. Contento?

”Certamente e ritengo che fosse giusto, per motivi di sicurezza, aspettare ancora, come avevo detto. Bisognava e bisogna tutelare sempre la salute”.

Ora impazza tra molti credenti il dibattito, comunione  sulla lingua o sulla mano come è stato scelto, perché reputata maggiormente igienica.. Continua a leggere

Scienza e fede in Giovanni Paolo II. Brevi note su alcuni scritti di Mario Castellana

Citazione

E’ noto come papa Giovanni Paolo II fosse dotato non solo di una solidissima e ispirata formazione teologica ma anche di una rigorosa cultura filosofica specificamente incentrata, oltre che sui classici della tradizione filosofica cristiano-cattolica, anche su un “personalismo economico” originatosi dalla scuola personalistico-fenomenologica della università cattolica di Lublino soprattutto grazie agli studi del cardinale Stefan Wyszynski e del professor Czesław Strzeszewski. L’etica, la filosofia del lavoro, congiuntamente alla puntuale difesa dell’ortodossia dottrinaria della fede cattolica, sono stati al centro del lungo e complesso pontificato wojtyliano. Ma certamente rilevante appare qui, sotto tale pontificato, anche una politica culturale della Chiesa volta a riformulare il rapporto tra quest’ultima e il mondo moderno con particolare riferimento alle molteplici e  relativistiche, quando non decisamente “deboli”, forme del sapere contemporaneo.

Da tempo, prima in un’antologia  di scritti sulla scienza di Giovanni Paolo II, Scienza e verità (Lecce, Pensa Multimedia 2010) con lunga introduzione, e adesso in una nota destinata ad essere ospitata nel sito web della “Facoltà Teologica Regina Apostolorum” di Roma, il noto epistemologo cattolico Mario Castellana ha sottolineato in particolare l’impegno profuso dal papa polacco, a partire dal 1979, a favore di un rinnovato dialogo tra cultura cattolica e cultura scientifica contemporanea, che egli percepiva come una delle principali priorità del contemporaneo apostolato cattolico. Infatti, osserva Castellana, si fece promotore presso l’Accademia pontificia delle scienze di numerose iniziative e di dibattiti finalizzati a trattare liberamente, per via della partecipazione ad essi di uomini di scienza credenti e non credenti di tutte le parti del mondo, di possibili o necessari nessi intercorrenti tra le ‘verità della fede’ e le ‘verità della scienza’. I risultati di questi incontri apparvero così incoraggianti da indurre i responsabili della gerarchia vaticana, pur sempre su impulso del papa, ad organizzare nel corso degli anni ’80, diverse riunioni plenarie su scienziati quali Newton ed Einstein, Mendel e Darwin e soprattutto tutta una serie di studi intorno al “casus belli” per eccellenza nella storia dei difficili rapporti tra fede e scienza ancor più che tra fede e filosofia, ovvero il “caso Galileo”. Continua a leggere

I vescovi non possono imporre la Comunione “alla mano”, né proibire la Comunione “alla lingua”

Citazione

(P. Kwasniewski, Chiesa e post concilio – 10 maggio 2020) Col graduale allentamento delle restrizioni sugli assembramenti, alcune diocesi hanno cominciato a diramare nuove normative per la celebrazione delle Messe. Queste normative spesso includono una dichiarata preferenza per la Comunione “alla mano” o addirittura un divieto per la Comunione “alla lingua”.

In questo articolo dimostrerò due cose: primo, riguardo alla “forma Ordinaria”, i vescovi, sebbene liberi di esprimere una preferenza, non hanno autorità di comandare la ricezione “alla mano” o di proibire la ricezione “alla lingua” (e pertanto, a fortiori, nessun parroco potrebbe avere tale autorità). Secondo, riguardo alla “forma Extraordinaria”, la Comunione può essere amministrata solo “alla lingua”.

Prima di addentrarci nelle questioni canoniche, è importante notare che non c’è alcuna dimostrazione che la maniera tradizionale di ricevere la Comunione – cioè “alla lingua” – sarebbe meno igienica o più pericolosa per la salute pubblica rispetto alla Comunione “alla mano”. Un canonista mi ha scritto: “Molti hanno sottolineato che i germi si diffondono più facilmente attraverso i contatti frequenti delle mani rispetto al porre l’ostia alla bocca (che, se il sacerdote sa quel che sta facendo, non dovrebbe comportare rischi di trasferimento di saliva)”. Continua a leggere

Lettera aperta di un peccatore ai vescovi sardi e ai vescovi italiani

Citazione

Come mai i vescovi della Sardegna, con a capo il presidente della CEI regionale mons. Antonello Mura, si sono risentiti e hanno protestato nei confronti del governatore Christian Solinas, dopo che questi ha giustamente ritenuto di autorizzare la ripresa delle sante messe sull’intera isola a partire dal 4 maggio ultimo scorso? Solinas, segretario e senatore del Partito sardo d’Azione, governa la Sardegna dal marzo 2019, e, avendo ben percepito il grave disagio del suo popolo a causa della prolungata sospensione delle funzioni religiose e in particolare di quella eucaristica, ha saggiamente deciso di ripristinare, non senza il conforto di quella scienza giuridica di cui è buon conoscitore, la riapertura di vari esercizi pubblici e commerciali e, tra questi, anche quella delle chiese con tutte le loro ordinarie attività liturgico-sacramentali.

Ci si sarebbe aspettati il plauso della gerarchia ecclesiastica sarda che, a causa dell’improvvisa passività morale e spirituale con cui la CEI nazionale, su decisione pontificia, aveva accettato e subìto le direttive governative di marzo con cui si decretava la sospensione di tutte le attività liturgiche e sacramentali della Chiesa cattolica su tutto il territorio nazionale, si era vista privare di quella libertà religiosa di cui non lo Stato o il potere politico ma solo essa medesima è unico titolare sotto il duplice profilo giuridico e religioso. Ci si sarebbe augurato quanto meno da parte del clero sardo una condivisione di quel senso di liberazione, di certo avvertito dall’isolano popolo di Dio, e di consolazione nel sapere che finalmente un potere dello Stato, sintonizzandosi con i bisogni spirituali dei suoi amministrati, se ne fosse fatto concretamente carico ripristinando pienamente la libertà di culto e tutte le manifestazioni religiose ad essa connesse. Continua a leggere

Comunione in bocca: nessun rischio per la salute*

Citazione

Lavoro in un ospedale con malati di COVID, e questo mi ha portato ad approfondire e discutere l’argomento anche con  altri  colleghi. In base alla letteratura scientifica siamo giunti alle seguenti  conclusioni: il Coronavirus  a differenza di altri virus, attacca  direttamente  le  mucose delle   vie respiratorie  alte  (naso, faringe e laringe) e basse (bronchi e bronchioli), direttamente sui suoi recettori e senza passare dalle vie linfatiche  e dal sangue come invece fanno altri virus.

Il COVID infetta le cellule delle mucose  delle vie  aeree soprattutto  viaggiando  attraverso  goccioline  (droplets) o in forma idro gassosa di aerosol. Di conseguenza, benché sia  stata ipotizzata,  non  è mai  stata finora dimostrata la trasmissione per contatto.

Il  palmo delle mani e i polpastrelli, come la saliva, sono  i  principali vettori di Coronavirus, ma  è difficile che  possano causare infezione  non contenendo virus in forma di goccioline o aerosol: infatti il  Coronavirus deve “prendere il volo”  per poter infettare. Continua a leggere

La risposta cattolica al divieto governativo di celebrare messa

Citazione

La fede in Cristo non può imporre nulla a nessuno, perché essa si nutre solo di un messaggio di salvezza che può essere o non essere accolto ma che, se accolto, comporta dei doveri, dei vincoli, degli obblighi da cui il fedele in quanto tale non può derogare. Nel momento in cui dico e professo di credere in Gesù, nel suo insegnamento e nella sua Chiesa intesa nel senso strutturale e non contingente del termine, io devo sentirmi spinto non solo ad accettarne intellettivamente ma anche a porne in essere almeno nella mia vita personale la dottrina, i sacramenti e insomma ogni verità di fede scaturiente dalla Parola di Dio-Cristo. In particolare, il vero credente o, se si vuole, il credente non errante, non potrà e non vorrà mai rinunciare alla Santa Messa come al momento più alto e inamovibile della sua vita di preghiera come della vita di preghiera dell’intera comunità cristiana.

Tale momento è per lui intangibile, nel senso che non potranno mai sussistere motivi, situazioni, avvenimenti umani, sociali, storici in senso lato, talmente gravi e devastanti da rendere indispensabile o necessaria l’abolizione o la sospensione anche se provvisoria delle funzioni e delle adunate spirituali e religiose, e quindi della vita ecclesiale a cominciare dalla pratica eucaristica e dal concreto esercizio di ogni altro sacramento. Non c’è pestilenza, guerra, emergenza economica o sanitaria che, alla luce della fede in Cristo, possa legittimare la decisione libera o indotta di astenersi dalla cena eucaristica come ogni provvedimento politico e governativo volto per un qualunque motivo ad impedire materialmente non solo lo svolgimento della vita ecclesiale e sacramentale ma persino un esercizio responsabile e controllato di quanto essa comporti. Continua a leggere

“L’Europa sarà musulmana, se Dio lo vuole”*

Citazione

*Pubblicato in “Corrispondenza Romana” del 28 marzo 2018

Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan festeggia ufficialmente, ormai da qualche anno, la data del 29 maggio 1453 che vide la conquista di Costantinopoli da parte di Maometto II, e quella del 26 agosto 1071, quando a Manzinkert i Selgiuchidi di Alp Arslān sconfissero l’esercito bizantino e fondarono il primo Stato turco in Anatolia. Immaginiamo che l’Unione Europea proponesse di celebrare solennemente la vittoria di Lepanto del 1571 o la liberazione di Vienna dai Turchi del 1683.

I mass-media di tutto il mondo, controllati dai “poteri forti” che guidano la politica mondiale, protesterebbero con tutta la loro forza contro questo atto provocatorio e islamofobo. Ma l’Unione Europea non prenderebbe mai una simile iniziativa, perché nel suo atto costitutivo, il Trattato di Lisbona del 13 dicembre 2007, ha definitivamente rinunciato ad ogni riferimento alle proprie radici storiche.

E mentre Erdogan rivendica con orgoglio un’identità ottomana, che si è definita contro l’Europa cristiana, l’Unione Europea sostituisce il richiamo alle radici cristiane con l’ideologia del multiculturalismo e dell’accoglienza del migrante. L’offensiva dell’Islam contro l’Europa, nel corso dei secoli, si è sviluppata secondo due linee direttrici ed è stata condotta da due popoli diversi: gli Arabi da Sud Ovest e i Turchi da Sud Est. Continua a leggere

Luttwak: l’Italia è in crisi perché è prigioniera di una casta*

Citazione

*Intervista pubblicata su “Affari Italiani” del 14 aprile 2020

Intervista esplosiva al politologo americano Edward Luttwak su crisi-Coronavirus. L’Italia può salvarsi ma è sulla sedia a rotelle. Se si alza si salva. Come?

di Antonio Amorosi

Saremo il Paese più colpito d’Europa dalla recessione per il Coronavirus. Cosa dovremmo fare per uscirne, visto che nessuno ci aiuta?

“Secondo le statistiche tra i i 196 Paesi del mondo l’Italia è il numero 8 per ricchezza totale. L’Italia è uno dei Paesi più ricchi del mondo eppure deve andare in giro come un mendicante perché è occupato da una casta. Questa è la ragione del perché lo Stato italiano non può funzionare. E non può funzionare a causa del sistema legale che è il sistema nervoso dello Stato. Ogni volta che qualcuno ha cercato di riformare questo sistema legale italiano, per aver una magistratura europea, viene bloccato dai magistrati che aprono un qualche processo contro di te o un parente”.

Lei dice che abbiamo uno Stato burocratico in cui non c’è giustizia e questa è la causa numero uno del suo cattivo funzionamento? 

“In Italia non c’è giustizia. L’Italia è un Paese occupato da caste. E la principale casta è quella dei magistrati, uno dei corpi più lenti e improduttivi del mondo. Qualcuno non ti paga, tu lo porti a processo, lui perde, va in appello, riperde, va in appello di nuovo, poi va in Cassazione e il giudice della Cassazione non scrive la sentenza per un anno, per due anni, per tre anni. E’ successo. Se il poveretto che non è stato pagato ormai da 15 anni chiede al suo avvocato di fare una protesta, di fare qualcosa questo gli risponderà “per carità”. Poi il magistrato andrà in pensione e un altro giudice prenderà l’incarico e rivaluterà gli atti. Come può funzionare uno Stato così?” Continua a leggere

L’Italia svergognata di Conte

Citazione

Mi ero dovuto ricredere, perché non mi aspettavo che un opportunista e un arrivista come Giuseppe Conte puntasse i piedi in sede europea preannunciando la sua più ferma contrarietà alla utilizzazione del famigerato MES o Fondo Salva-Stati in relazione alla gravissima crisi pandemica che stava colpendo e avrebbe ancor più colpito le economie di tutto il mondo e dei Paesi europei, tra cui l’Italia, in particolare. Mi ero dovuto ricredere e non avevo esitato a riconoscergli il merito di voler fronteggiare apertamente, come nessun premier italiano aveva voluto e saputo fare prima di quel momento nei confronti dei rapaci e inflessibili organi decisionali europei da sempre notoriamente al servizio della Germania merkeliana e dei suoi paesi satelliti, tra cui in primis l’Olanda. Non mi era sembrato giusto pensare, in quel momento, che Conte potesse bleffare e promettere qualcosa che sapeva di non poter mantenere: non era giusto, perché non era pensabile che un uomo politico ambizioso come Conte potesse giocarsi così male, in modo così ignobile e avventato, le carte in una situazione peraltro oltremodo drammatica e dolorosa per il popolo italiano. Continua a leggere