Renzi, gli oppositori e il futuro dell’Italia

Citazione

Contrariamente a quanto più volte dichiarato da alcuni faziosi pontefici massimi del giornalismo televisivo italiano, non è vero che Renzi, nei tre anni in cui ha governato, abbia usufruito della servile benevolenza della maggior parte della stampa cartacea e televisiva. Basta andare a guardare i titoli dei giornali del 2015 o certi commenti televisivi per rendersi facilmente conto come già allora gran parte della stampa nazionale, dei partiti, leaders politici e sindacali, membri dello stesso PD, intellettuali e via dicendo, si trovassero felicemente coalizzati contro il giovane parvenu fiorentino. Già allora era un bel tiro al piccione anche se il piccione, almeno esteriormente, dimostrava di sapersela cavare abbastanza con la sua divertita disinvoltura e, soprattutto, con l’enunciazione di programmi di governo, probabilmente non in tutto e non sempre da tutti condivisibili ma comunque ben articolati e apparentemente idonei ad incidere positivamente sulla statica situazione economica e sociale del Paese. Continua a leggere

La democrazia e le sue ombre

Citazione

Molte sono le fandonie che si dicono nel nome della democrazia. Una delle più antiche e fuorvianti è connessa alla duplice e contrapposta pretesa per cui da una parte la democrazia dovrebbe porre al centro delle sue politiche soprattutto l’individuo con i suoi molteplici diritti ad esprimersi liberamente in ogni ambito della vita civile, ad affermarsi socialmente se produttivo nell’ambito della sua attività lavorativa e professionale, ad acquisire ricchezza senza eccessivi intralci fiscali, a veder bene rappresentati i suoi interessi in sede politico-parlamentare, dall’altra essa dovrebbe fare invece delle oggettive necessità materiali e morali dei ceti non abbienti, di improrogabili istanze di eguaglianza e giustizia sociali, di livellamento economico verso il basso anche a scapito di individualità particolarmente capaci e meritevoli, il vero perno della sua attività di governo. Continua a leggere

D’Alema, la scissione e l’ipotesi di una nuova sinistra

Citazione

di Stefano Varone

Pare che nel discorso tenuto ieri a Lecce, il sergente di ferro (di più non potrebbe essere, data la modesta stazza politica) signor Massimo D’Alema, nella probabile, e da noi auspicata, scissione del PD, sia riuscito ad intravedere una straordinaria opportunità di rinascita di una sinistra vera, forte, realmente popolare e progressista. Il suo ragionamento è che, «se sorge un movimento forte a sinistra a fronte della deriva neocentrista del PD, la somma dei voti sarebbe assai maggiore di quelli che otterrebbe il PD. Dal punto di vista del fare argine al pericolo della destra populista, un movimento così recupererebbe molti elettori che mai andrebbero a votare per il PD di Renzi, ne conosco alcune migliaia, e sarebbe capace di contendere una parte d’elettorato ai cinque stelle» (“Nuovo Quotidiano di Puglia” del 18 febbraio 2017). Il problema centrale è di vedere intanto se questa nuova sinistra ipotetica sorgerà e come possa sorgere, anche se le conseguenze che D’Alema fa derivare dalla attuazione di tale ipotesi sono del tutto inverificabili e talmente congetturali da apparire addirittura fantasiose o illusorie. Continua a leggere

Matteo Renzi e i fanfaroni della sinistra democratica

Citazione

Forse questa è la volta buona: se Renzi riesce a resistere agli attacchi concentrici di gran parte delle forze politiche italiane, del mondo sindacale, del mondo accademico, della stampa e della televisione, oltre che della rabbiosa ma insignificante minoranza dello stesso PD, può darsi che l’Italia, sia pure tra molteplici e oggettive difficoltà, possa veder ripartire quel lento ma reale processo di risanamento economico e sociale che, checché ne dicano tutti coloro che in questo Paese vivono di polemica fine a se stessa, era iniziato circa tre anni fa proprio con il governo di Matteo Renzi. Con Renzi al governo si è assistito al ritorno di un’antica sapienza democristiana che, nelle sue migliori espressioni, era riuscita a produrre nel dopoguerra e nei due decenni successivi, insieme a compromessi non sempre decorosi e utili, a squilibri economico-sociali non sempre inevitabili e comprensibili e a livellamenti egualitari meramente demagogici, anche tanto benessere e un avanzamento effettivo delle libertà civili e della coscienza culturale tra le masse popolari. Questo è ovviamente un punto di vista, ma non necessariamente più soggettivistico di altri punti di vista storico-politici. Continua a leggere

Patata bollente, Grillo sbugiardato: ecco cosa diceva lui di Boschi, Boldrini e Montalcini

di Gianluca Veneziani

(pubblicato in “Libero” del 10 febbraio 2017)

Ma come, Beppe, proprio tu. Tu che, tra blog e social, hai sparso perle sessiste un po’ dovunque, senza fare distinzioni di età, di partito, di avvenenza fisica, e che hai attaccato ripetutamente le parlamentari in quanto donne, le donne in quanto parlamentari e le donne in quanto donne, ora fai il piangina e gridi allo scandalo per il titolo di Libero sulla Raggi alle prese con una «Patata bollente»? Continua a leggere

Napolitano, Renzi e le elezioni politiche

Citazione

download«Nei paesi civili alle elezioni si va a scadenza naturale e a noi manca ancora un anno». Verrebbe di dire che i paesi civili dovrebbero esercitare liberamente la loro sovranità senza essere servi di abnormi entità politiche sovranazionali. Ma questo è il pensiero di Giorgio Napolitano, che di fatto sposa le tesi di coloro che vorrebbero giungere al termine naturale della legislatura, senza accelerare i tempi delle elezioni politiche come vorrebbero, per motivi convergenti e contrapposti ad un tempo, leaders come Grillo, Salvini, Meloni e Renzi. Infatti, l’orientamento di Napolitano sembra essere simile a quello di politici “di sinistra”, sempre più isolati (malgrado i loro proclami di segno contrario) dalle grandi masse sociali ed economiche del Paese, quali D’Alema, Bersani, Speranza e altri, insieme a Berlusconi e i centristi governativi di Alfano, che da elezioni troppo ravvicinate temono di avere molto da perdere. Naturalmente, come sempre, il giudizio di ognuno viene espresso secondo un criterio di “convenienza particolaristica” più che secondo un criterio di “obiettività”, sempre difficile da determinare specie in ambito politico ma non per questo eludibile o sottovalutabile. Continua a leggere

Solidarietà alla dottoressa De Mari e difesa del vangelo

Citazione

downloadSulla coraggiosa presa di posizione della dottoressa De Mari è intervenuto anche un tizio famoso nella pubblicistica nazionale per firmarsi sempre con diversi pseudonimi, cui ricorre non già per spirito di umiltà ma solo per circondare la sua identità personale di mistero e di sempre maggiore notorietà. Il soggetto in questione, che in vero non è sempre privo di arguzia argomentativa,  è il signor Renato Pierri, questo lo pseudonimo adoperato in occasione del suo intervento molto polemico ma completamente fuori luogo sulla dottoressa sopra citata. Egli, di dichiarata fede cristiana, ma anche portatore di un’interpretazione sui generis del Vangelo di Cristo, ha ritenuto di dover censurare, principalmente sul piano religioso, e al pari di tanti illuminati “progressisti” del nostro Paese e di tanti altri ispirati teorici del “gender”, Silvana De Mari per aver quest’ultima rivendicato il suo diritto e il diritto in genere all’omofobia, perché ove tale diritto non fosse più pubblicamente riconosciuto finirebbe per essere vanificata ed annientata di fatto la stessa libertà di parola e persino il cristianesimo con la sua vincolante prescrizione di dare testimonianza con la vita e la parola alla propria fede in Cristo e al suo messaggio salvifico. Continua a leggere

L’ideologia LGBT contro il diritto di parola: l’accusa di uno psicologo canadese

Citazione

Redazione di Unione Cristiani Cattolici Razionali

(pubblicato il 17 gennaio 2017)

Ha fatto il giro del mondo l’articolo che un professore universitario canadese, Jordan B. Peterson, ha scritto argomentando i rischi che la deriva arcobaleno delle società sta portando alla libertà di parola.

downloadPeterson, psicologo clinico e docente di Psicologia presso l’Università di Toronto, se l’è presa in particolare con il Bill C-16, un disegno di legge che propone di criminalizzare le discriminazioni in base “all’identità o espressioni di genere”. Lo psicologo ha pubblicato alcuni video nei quali faceva presente che i contenuti di tale ddl sono «pericolosamente vaghi e mal formulati», così da lasciare appositamente il tutto nelle mani del giudice di turno. Inoltre, si è rifiutato pubblicamente di utilizzare il pronome sessualmente neutro (o “neutral gender”) “Zhe”, ideato per indicare sia uomini che donne, senza rischiare di discriminare chiamando al femminile chi nella sua mente “si sente” un maschietto (e viceversa). Continua a leggere

“Non fermeranno le mie idee: Per me i gay sono i nuovi ariani”

Citazione

intervista di Lodovico Poletto alla dottoressa Silvana De Mari

(pubblicata in “La Stampa” del 19 gennaio 2017)

download«I gay? Sono la nuova razza ariana. Vietato parlar male di loro, vietato criticare, vietato esprimere la propria opinione nei loro confronti. Loro vogliono l’omologazione, il pensiero unico». Silvana De Mari, la psicoterapeuta-scrittrice, autore di decine di libri per ragazzi (e di successo) e finita per le sue opinioni nel mirino dell’Ordine dei medici, non sposta di un solo millimetro l’asticella sulle cose che pensa, dice e professa ormai da tempo.

Dottoressa, lo sa che adesso c’è un procedimento contro di lei per le cose che dice?

«Cosa vuole che me ne importi».  Continua a leggere

Allarme rosso nelle scuole italiane. Firmate contro il Gender!

Citazione

di Generazione Famiglia

(nota pubblicata il 18 gennaio 2017)

downloadMigliaia di bambini e adolescenti saranno condotti dalle scuole a spettacoli che hanno l’intento dichiarato di mettere in crisi la loro identità sessuale, la loro stabilità psicoaffettiva. Ancora una volta, sulla base della maledetta ideologia Gender: quella per cui nascere biologicamente maschi e femmine non avrebbe niente a che vedere con la nostra “vera” sessualità, che invece può essere scelta, cambiata, modellata e riformulata a piacimento senza alcun punto di riferimento oggettivo; quella per cui l’uomo e la donna non sono naturalmente complementari; quella per cui qualsiasi unione affettiva ha lo stesso valore sociale e antropologico del matrimonio; quella per cui non esistono “mamma” e “papà”, ma “genitore 1, 2, 3, 4…”. Continua a leggere